NOCERINA - La replica di Ferraro: "Sono stato ufficializzato senza il mio assenso"

28.10.2023 01:03 di Redazione TN   vedi letture
NOCERINA - La replica di Ferraro: "Sono stato ufficializzato senza il mio assenso"
TMW/TuttoNocerina.com
© foto di Francesco De Cicco/TuttoLegaPro.com

"La questione è molto più semplice di come qualcuno l'ha voluta dipingere. Io sono un professionista, per me parla il mio curriculum e sono abituato normalmente a ragionare con professionisti. Dal punto di vista umano dispiace passare per la persona che non sono, chi mi conosce sa chi è Giovanni Ferraro, la mia umiltà, la mia lealtà e la mia totale trasparenza e onestà intellettuale. Dispiace aver sentito e letto cose non vere, ma non c'è neanche troppo da stupirsi". Queste le parole dell'oramai ex tecnico molosso Giovanni Ferraro rilasciate a TuttoC. Il mister, che ha smentito il ritorno a Catania, ha proseguito: "In questi mesi ho ricevuto tante chiamate, se ho accettato di confrontarmi con la Nocerina, dopo la mia esperienza a Catania è perché reputo Nocera una piazza di primissimo livello. Confermo di essermi trovato di fronte a persone serie che ci tengono al futuro della Nocerina e di aver trovato un'importante accordo economico in pochi minuti nella giornata di lunedì, non firmando però nessun contratto. Prima di firmare io devo sempre capire i contesti in cui mi trovo. Ho fatto il primo allenamento e sin da subito ho avuto percezioni non positive. Sono stato ufficializzato senza il mio assenso e senza aver notificato il contratto, e non lo vedo un comportamento corretto. Ho subito allertato la società delle mie perplessità: organizzative, professionali e logistiche, a livello di strutture e di materiale. Il secondo allenamento del mercoledì mattina è stata per me la conferma, di un contesto che non sentivo mio. Non avevo le sensazioni giuste per poter dare il meglio di me. Ho subito parlato con la società, non sono mai stato messo di fronte ad un out out, anzi tutti i dirigenti della Nocerina mi hanno dato carta bianca, insistendo fortemente e a lungo per avermi. Ho fatto un passo indietro proprio per rispetto della Nocerina della sua storia e di chi ne fa parte. Nocera merita un allenatore che senta sua questa missione. Ho rifiutato un'offerta economica importante e a lungo termine perché per il mio modo di lavorare ci sono altre priorità. Se arrivo in un contesto lo faccio per vincere, se non percepisco la sensazione di poter dare il massimo per farlo, preferisco essere onesto prima rinunciando, che portare avanti un discorso fine a se stesso. Auguro il meglio alla Nocerina perché lo merita la società, la piazza e la squadra".