I GRANDI ALLENATORI DELLA NOCERINA: Ezio Volpi

04.06.2018 12:02 di Fabio D'Alessandro  articolo letto 221 volte
I GRANDI ALLENATORI DELLA NOCERINA: Ezio Volpi

A 25 anni dalla scomparsa, Ezio Volpi resta l'icona dell'allenatore ideale, per la C e non solo. Se ne parla nel libro scritto da Franco Zappacosta: Ezio Volpi, il mago della Serie C". Perché Volpi  è stato amato da tante tifoserie? Era un gentiluomo oltre che un bravo allenatore. Qualche tempo fa, Licio Esposito, a Chieti, ne parlò così: " Eravamo molto amici e allora io allenavo la squadra di pallacanestro e usavo la cosiddetta “zona” per migliorare le capacità offensive dei cestisti. Allora Volpi volli che io gli spiegassi questo sistema di gioco da applicare al calcio.  Insomma  era una persona seria, amabile, signorile ed aveva rapporti con i giocatori ottimi perché parlava loro e dialogava.Aveva individuato in Enrico Chiesa l’avvenire del calcio italiano  e sperava comunque che diventasse un po’ più bravo. Chiedeva e s’informava ed anche con i tifosi aveva un rapporto di dialogo costruttivo. Io però mi chiedo sempre come si fa ad essere ricordato dai più, tanto da dedicargli la cosiddetta”Curva Volpi” divenuta con il tempo simbolo del calcio teatino nella sua teatinità". A Nocera vinse il campionato di Serie C2 edizione 1985-1986. Quella squadra doveva allenarla De Petrillo, che litigò con la società prima dell'inizio. Arrivò lui e gradualmente la squadra, forte sulla carta, riuscì ad esserlo anche sul campo con Oddi, Gregorio, Mirra, De Biase, Valentini, Bruno, Roccotelli, Truddaiu, Pecoraro, Mastini e Coppola oltre che con Di Fruscia, Torano, Zitta, Della Porta, Baglieri, Novelli e altri.