NOCERINA: Manzo parla della nuova avventura a Mantova

L'intervista concessa alla Voce di Mantova
09.07.2018 20:05 di Redazione Tn  articolo letto 303 volte
NOCERINA: Manzo parla della nuova avventura a Mantova

«Sono pronto per firmare con il Mantova». Parole e musica di Luigi Manzo, classe ’85, salernitano di nascita e ormai prossimo a vestire la casacca biancorossa. Difensore centrale di ben 187 centimetri, ha giocato tutta la carriera in serie D, nei gironi del Sud. Per lui ora la grande occasione in un club blasonato che mira a tornare nel calcio che conta. Insomma, Mantova rappresenta per Manzo il giusto trampolino di lancio per dare una svolta alla propria carriera. «Manca solo la firma - specifica subito il difensore campano - però ormai è fatta. Ho già parlato e incontrato il direttore sportivo Righi e l’accordo c’è. A ridosso del raduno firmerò il mio contratto con il Mantova. Non vedo l’ora di cominciare questa grande avventura. Posso dire che le sensazioni sono davvero positive. C’è voglia di fare bene». Manzo arriva in riva al Mincio dopo un anno alla Nocerina, dove ha collezionato 33 presenze e realizzato due marcature; insomma, uno stakanovista del rettangolo verde. Era un punto fermo di Morgia, lo stesso tecnico che ritroverà al Mantova. «Per me sarà importante ritrovare il mister. Lo conosco bene. Anche lui non vede l’ora d’iniziare questa stagione. Posso dire che Morgia è un grande lavoratore, fosse per lui starebbe sul campo dal mattino alla sera». In realtà Manzo non ritroverà solo il tecnico. Al raduno troverà anche il centrocampista Sante Giacinti, che sarà un altro punto fermo del nuovo Mantova. Per Manzo, abbiamo detto, una lunga carriera in serie D ed ora il salto al Nord; ma non un salto nel buio. «La chiamata del Mantova m’inorgoglisce. Una squadra come questa non si può mai rifiutare. È una società che non ha bisogno di presentazioni, so che c’è un progetto importante, ma soprattutto c’è una proprietà seria. Questo è sicuramente una garanzia». Quel Mantova che arriva all’improvviso e fa tornare indietro negli anni: «Lo guardavo in tv. Ricordo i tempi della recente serie B, con la A sfiorata. Di Mantova conosco questo, ma sono pronto a scoprire qualcosa di più della città che so essere bellissima. Per me  sarà una grande emozione indossare quella maglia».  Idee chiare, grande voglia di cominciare la nuova stagione, con un obiettivo preciso. «L’obiettivo mio e  della società è quello di far bene. Lo sanno tutti: tornare nel calcio che conta non sarà facile perché ci saranno avversari agguerriti ma ci proveremo dando il massimo. Io mi metterò a servizio della squadra, come ho sempre fatto in carriera e darò il massimo per questa maglia orgogliosa». Anche Manzo è pronto ad abbracciare i nuovi tifosi: «A loro non servono parole, ma fatti. Come  si dice dalle mie parti: bisogna pedalare. E forte». (tombell)