VERSIONE MOBILE
  Mercoledì 6 Maggio 2015  
PUNTO SUL CAMPIONATO
COME VORRESTI LA NUOVA NOCERINA?
  
  
  

PUNTO SUL CAMPIONATO

PUNTO SUL CAMPIONATO: la trentaquattresima giornata

E' stata sospesa nel secondo tempo per maltempo la gara Torino - Reggina 1 a 0. Difficile trovare una data utile per il recupero, ma molto probabilmente si giocherà a maggio. Pareggio del Sassuolo nel derby emiliano. Cadono Verona e Pescara.
07.04.2012 19:00 di Giuseppe Franzò  articolo letto 709 volte
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com
PUNTO SUL CAMPIONATO: la trentaquattresima giornata

Il Torino gioca contro la Reggina sotto la pioggia, poi cade la grandine che imbianca il campo rendendolo impraticabile, e costringe l’arbitro a sospendere la gara a inizio del secondo tempo quando il Torino conduceva per uno a zero con rete di Gilk al 16’. La data del recupero diventa enigmatica per via dei due posticipi che la squadra di Ventura si appresterà a giocare nelle prossime settimane, anche se tutto fa supporre che maggio è il mese più indicato. Fermo il Torino, il Sassuolo non va oltre il pareggio a reti inviolate nel derby emiliano con i cugini modenesi. La formazione di Bergodi non sfigura contri i più quotati avversari che con il pareggio ottenuto conquistano da soli la seconda piazza. Per il Modena un punto prezioso che impingua la classifica e da più tranquillità ai canarini in questo finale di campionato per una salvezza diretta. Il Brescia la spunta sul Verona grazie a due gol da palle inattive, affossando il Verona di Mandorlini, che era pronto ad attuare il sorpasso in classifica a spese del Sassuolo. La sconfitta, non del tutto meritata da parte bresciana, è resa meno amara non solo per il pareggio ottenuto in casa dal Sassuolo, ma per la sconfitta del Pescara di Zeman in quel di Varese nell’anticipo di giovedì. Verona quindi a un punto dalla formazione di Pea che occupa la seconda posizione in classifica. Il Pescara di Zeman a Varese perde con una doppietta di Granoche. Il tecnico boemo rompe il silenzio e attacca la classe arbitrale, rea di errori grossolani che hanno influito negativamente sull’attuale punteggio in classifica della sua squadra. Zeman si sente defraudato dai molti episodi successi alla sua squadra perché  non valutati in modo irreprensibile dai giudici di gara.

Il Padova vince all’Armando Picchi  di Livorno e si rimette stabilmente in corsa per i play-off. Nella città del cacciucco, il Padova vince e convince, fornendo una bella prova, mostrando una solidità e un gioco abbastanza convincente. Il Livorno indugia troppo, e le sostituzioni che dovevano dare nuova linfa alla squadra, arrivano in ritardo e non evitano la sconfitta. Al vulcanico presidente Spinelli inizia a balenare nella mente anche l’idea di esonerare Madonna. Si ferma di nuovo la Sampdoria in quel di Crotone con un gol beffa di Eramo che, ironia della sorte, gioca nel club pitagorico, ma è in comproprietà  proprio con il club capitanato dai Garrone, e realizza al 49’, a pochi secondi dalla fine dell’incontro. Parte male il team di Iachini, per il gol subito, per l’espulsione di Berardi a mezz’ora dalla fine, e per l’infortunio di Romero nella fase di  riscaldamento.  Le due vittorie consecutive, ottenute in precedenza, non hanno avuto un seguito per la scalata ai piani alti della classifica. La Juve Stabia sbanca Vicenza con un Sau superlativo, garantendo un finale di campionato interessante. A Vicenza il giocatore sardo  da solo infligge tre reti ai vicentini, l’autorete di Augustyn nasce da un suo tiro, e gioca una gara ad alti livelli. Il Vicenza ha ceduto quasi da subito al gioco scatenato della Juve Stabia che non ha faticato molto per essere padrona del gioco e puntare la porta di Frison con pericolosità. Per il Vicenza le assenze di Pari e Pinardi (infortunati) e l’inconsistente reparto difensivo ha permesso alle vespe di giocare con autorevolezza e portare a casa, con pieno merito, tre punti che dovrebbero dare virtualmente la raggiunta salvezza. Un eventuale inserimento nella griglia play-off sarebbe un evento storico (nonostante i quattro punti di penalizzazioni) per il calcio di Castellammare. Sognare non costa niente, e a questo punto… si può. Finisce con un gol per parte la sfida fra il Bari e il Grosseto, con i maremmani che recriminano, visto come sono andate le cose in campo, e i pugliesi che agguantano il pareggio, a pochi minuti dalla fine, con una prodezza di Galano, entrato da poco. Il pareggio permette a entrambe le squadre di rimanere nella zona tranquilla della classifica, anche se a onore del vero, le due formazioni a inizio di campionato avevano progetti ambiziosi identici nel giocarsi il campionato. Il Cittadella vince contro il Gubbio per due a uno  e si allontana dalla zona a rischio, ma non certo in modo definitivo. Dovrà lottare ancora in queste otto partite per ottenere la salvezza in modo diretto, ma per il momento ha tolto tre punti ad una diretta concorrente per la salvezza ed ha ottenuto la prima vittoria in casa del girone di ritorno. Il Gubbio rimane ancora senza punti, nonostante Apolloni è il quarto tecnico che siede quest’anno sulla panchina degli eugubini. Scavalcato dalla Nocerina, adesso è al penultimo posto, e il prossimo incontro casalingo con il Vicenza sarà la prima delle otto finali che dovrà disputare per una salvezza che si presenta difficile. L’Ascoli riemerge contro l’Albinoleffe dopo la sconfitta di Modena, e si porta a quota trentadue al quintultimo posto assieme con il Vicenza. Grazie ad un gol di Gerardi al 25’. Nella squadra bianconera pesa molto l’assenza di Papa Waigo, ma fortunatamente per Silva, Parfait sfodera una grande prestazione, permettendo cosi al centrocampo ascolano di giocare in modo offensivo. Per l’Albinoleffe è notte fonda con la sesta sconfitta consecutiva.  Per Salvioni il cammino della sua squadra si fa sempre più in salita.

Nocerina – Empoli, una partita che ha avuto un finale ansioso, e che è finita con la vittoria della squadra di Auteri grazie ad un rigore “ pasquale “ assegnato dal signor Tommasi di Bassano proprio alla fine dell’incontro.  La gara si presentava difficile per la Nocerina perché doveva fare a meno degli infortunati Negro, Mingazzini e Rea oltre allo squalificato Figliomeni. Il ritorno al modulo tattico 3-4-3 era quindi d’obbligo per il tecnico siciliano. Un primo tempo equilibrato, anche se l'Empoli nell’azione del gol di Maccarone ha avuto un po’ di fortuna. Nella ripresa la Nocerina ha pressato e schiacciato l’Empoli nella propria metà campo e sono emersi i valori di Merino e Farias che sono tornati ad alti livelli.  La Nocerina per quello che ha fatto vedere durante la partita, e per il gioco c espresso, avrebbe sicuramente meritato la conquista dei tre punti, ma il rigore concesso dall’arbitro vicentino, a nostro modo di vedere, può essere inquadrato come un cadeau pasquale. Nell’azione del rigore è evidente che se c’era un’azione di disturbo fra l’empolese Coppola e Castaldo, questa è da addebitare al centravanti nocerino poiché piomba alle spalle del difensore e ne impedisce il rinvio. L’arbitro decreta il rigore e la formazione di Auteri conquista tre punti pesantissimi che gli permettono di scavalcare Gubbio e Albinoleffe in classifica e puntare, già dalla prossima gara, alla conquista del sestultimo posto, distante sei lunghezze, nelle ultime otto partite che rimangono, per ottenere un’insperata salvezza diretta.

 


Altre notizie - Punto sul campionato
Altre notizie
 

QUATTRO ANNI FA... MA ORA E' TEMPO DI FUTURO

QUATTRO ANNI FA... MA ORA E' TEMPO DI FUTUROEra il 23 aprile 2011. Un sabato santo. E chi se lo scorda più. A Foggia, battendo i satanelli di Zeman per 1-0 grazie a Pomante, la Nocerina salì in Serie B. Fu festa grande in ogni angolo delle due Nocera. Una giornata indimenticabile, di quelle che entrano nella ...

NOCERINA: VERRÀ MESSA IN LIQUIDAZIONE

NOCERINA: Verrà messa in liquidazioneOGGETTO: ASSEMBLEA SOCIETARIA E MESSA IN LIQUIDAZIONE ASG NOCERINA Con la presente si comunica agli organi di informazione...

MIMMO CITARELLI A TN: "DOPO IL GOL CONTRO LA PAGANESE I TIFOSI MI REGALARONO DI TUTTO. ERO UN LORO IDOLO"

MIMMO CITARELLI a TN: "Dopo il gol contro la Paganese i tifosi mi regalarono di tutto. Ero un loro idolo"La redazione ha contattato l’ex attaccante molosso Mimmo Citarelli. Ha indossato la casacca rossonera per un solo anno...

CASIMIRO DAY - BOZZI A TN: "TANTI SPLENDIDI RICORDI LEGATI A QUESTA SOCIETÀ"

CASIMIRO DAY - Bozzi a TN: "Tanti splendidi ricordi legati a questa società"Tra i tanti ex rossoneri presenti al Casimiro Day un'autentica gloria del passato, Stanislao Bozzi. Di seguito le sue...

[VIDEO]: GLI HIGHLIGHTS DI NOCERINA-SANT'AGNELLO

[VIDEO]: gli highlights di Nocerina-Sant'AgnelloDi seguito gli highlights (Telenuova) della gara tra Nocerina vs Sant'Agnello, giocata allo...

FARIAS: L'EX MOLOSSO BRILLA IN A, ORA LE GRANDI SONO TUTTE SU DI LUI

FARIAS: l'ex molosso brilla in A, ora le grandi sono tutte su di luiA Cagliari, sebbene la squadra sta vivendo il peggior campionato degli ultimi 15 anni, brilla una stella. E’ quella di...
   Editore & Direttore Editoriale: Luca Esposito Norme sulla privacy   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.