FABIO ORLANDO: "I miei gol per restare in D"

11.03.2019 12:43 di Luca Esposito Twitter:   articolo letto 232 volte
Fonte: Il Mattino
FABIO ORLANDO: "I miei gol per restare in D"

Ha saputo aspettare il suo momento con pazienza, sorpreso per le tante panchine collezionate e allo stesso tempo convinto che si sarebbe ritagliato uno spazio importante. In serie D sta facendo la differenza, lui che in passato ha vinto campionati con le maglie di Matera e Paganese e che, in futuro, è disposto anche a rinunciare a proposte di club di categoria superiore pur di riportare la Nocerina tra i professionisti. E’ un momento magico per Fabio Orlando, trequartista rossonero a segno contro Roccella e Portici e candidato ad una maglia da titolare anche per le prossime partite. Ha confermato di essere anzitutto un ragazzo con la testa sulle spalle e sempre pronto a mettere davanti a tutto l’interesse della squadra: "Cosa ci faccio in D? Ho sempre pensato che ogni giocatore ottiene quello che merita. La fortuna gioca un ruolo importante, evidentemente a me è toccato scendere in serie D per dimostrare il mio valore e sono contento di indossare la maglia della Nocerina. Dopo una buon avvio, coronato anche dalla gioia di un gol, il tecnico Viscido ha deciso di accantonarmi preferendo affidarsi agli under nel mio ruolo". Merito importante quello di essersi fatto trovare pronto: "L’impatto con le gare è stato positivo. Prima un assist a Simonetti con la Palmese, poi i gol con Portici e Roccella hanno confermato la mia voglia di dare un contributo alla causa. La società è stata chiara, l’obiettivo è la salvezza e voglio segnare ancora per aggiungere alla nostra classifica i 3-4 punti che mancano. Arrivati al traguardo saremo più sereni e ragioneremo gara dopo gara, si sa che l’appetito vien mangiando". Inevitabile parlare anche del suo futuro. Un prosieguo che potrebbe essere ancora a Nocera: "Mi farebbe piacere ripartire con questa casacca per un campionato di vertice anche l’anno prossimo. Posso assicurarvi che non ho vissuto settimane semplici, non mi era mai successo di restare fuori per tutto questo tempo. Per fortuna molte persone mi hanno sostenuto, a partire dalla mia famiglia e dalla mia ragazza: a loro e a tutte le persone che mi hanno aiutato dedico questo momento positivo. Sogno nel cassetto? Ho vinto due campionati: con il Matera e con la Paganese. Mi piacerebbe risalire quanto prima di categoria, farlo con la Nocerina sarebbe bellissimo. Giocare in Interregionale con questa squadra non è da tutti e non è per tutti, c’è una grande tifoseria e bisogna ripartire da loro. Non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno, speriamo di far riavvicinare tutte quelle persone che si sono allontanate dagli spalti".