DIEME: "Alla Nocerina per fare grandi cose"

 di Marco Esposito Twitter:   articolo letto 349 volte
DIEME: "Alla Nocerina per fare grandi cose"

Non c’è bisogno dell’interprete. Dieme parla alla perfezione la nostra lingua. E’ in Italia da quando aveva 13 anni. Comincia ricordando i primi passi: “Scuola Calcio San Lorenzo, poi la Roma fino alla Primavera. Giocavo con Florenzi, Caprari, Antei ed altri ragazzi in gamba. Quindi diversi campionati di Serie D, ogni esperienza mi ha dato qualcosa, arricchendomi come calciatore e come ragazzo”.

Parla delle sue caratteristiche: ”Il mio idolo è Ronaldo, ho giocato anche da esterno ma mi sento prima punta. Amo fare da sponda, attaccare la profondità e giocare con palle alte”. Nocera l’ha conosciuta attraverso i racconti di suoi mister come Fiorucci e Paris: ”Mi hanno detto che è la piazza ideale per fare bene e mettersi in mostra. Sono fiducioso, per me la Nocerina significa la possibilità di grandi cose, di giocare davanti ad un pubblico che può darmi tantissimo”.