NOCERINA: la società a lavoro per presente e futuro

 di Marco Esposito Twitter:   articolo letto 208 volte
© foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com
NOCERINA: la società a lavoro per presente e futuro

Il progetto di rinascita del calcio, avviato appena un anno fa, in un complicato contesto economico e ambientale, prevedeva, fin dall’ origine, il perseguimento di obiettivi sportivi tramite programmazione pluriennale. Tale progetto, ha consentito di conquistare immediatamente una categoria calcistica superiore rispetto a quella di partenza e di affrontare con entusiasmo e ambizioni la massima competizione dilettantistica, su scala nazionale e sempre più impegnativa a seguita dei cambiamenti avvenuti nella scala dei campionati professionistici. Contemporaneamente, la società ha portato avanti una sana politica di gestione che le permetterà di proseguire nel progetto economico-sportivo con rinnovato entusiasmo. A tal proposito, evidenziamo, in risposta a latenti polemiche, a volte capziose e strumentali, che la società stessa non è rimasta in silenzio e passiva a causa di qualche deludente risultato sportivo nel contesto di una stagione comunque di buonissimo livello. Con rispetto ed umiltà, ha scelto di tenere il medesimo profilo assunto in occasione delle vittorie: nessun personalismo, nessun presenzialismo, niente passerella, soltanto lavoro e programmazione per il raggiungimento degli obiettivi auspicati. Chi opera non è ovviamente immune di critiche: vale per il calcio come in altro ambito della vita quotidiana. Le critiche costruttive e dettate dall’ amore per la maglia, vengono accettate da tutti, in maniera particolare da chi nei momenti delicati c’ha messo sempre la faccia. Per questi motivi, ribadiamo in maniera ferma ed inequivocabile che l’intera società è concentrata sul lavoro quotidiano, finalizzato a terminare la stagione sportiva nel miglior modo possibile, nel rispettare ogni impegno preso e nel programmare la prossima con lo stesso entusiasmo e la medesima voglia di regalare ulteriori soddisfazioni al popolo rossonero.

Il Consiglio Direttivo (Nicola Padovano, Francesco D’Angelo, Gaetano Maiorino, Francesco Spinelli, Rino Bellacosa, Massimiliano Medugno, Agostino Santoriello, Franco Tamigi, Ernesto Cirillo)